Acquaviva Italia: prime consegne ad Amatrice

Un aiuto concreto alla popolazione del Centro Italia colpita dal sisma. La società Acquaviva Italia ha sabato 3 settembre ha iniziato le consegne della propria acqua in boccioni Pet ad Amatrice, con la collaborazione della Protezione Civile.
Sono stati già raccolti e donati 456 boccioni. Altri 456 boccioni di acqua in Pet verranno aggiunti nei prossimi giorni dalla società stessa, oltre ai 1936 già predisposti e pronti per la spedizione con un autotreno. Tutte le donazioni vengono messe a disposizione della Protezione Civile e verranno utilizzate per le popolazioni del centro Italia colpite dal violento sisma.

Acquaviva Italia commercializza acqua in boccioni e ne segue tutta la loro vita dalle fonti di imbottigliamento fino al riciclo. Il processo produttivo parte infatti dalle due fonti di proprietà in Veneto fra le Piccole Dolomiti e in Molise nella zona della sorgente Cannavine. Gli stabilimenti di imbottigliamento sono situati accanto alle fonti. I boccioni pieni d’acqua vengono stoccati nei magazzini sparsi in Italia in attesa di essere consegnati ai clienti direttamente dal personale dell’azienda entro 10 giorni dall’imbottigliamento. La società provvede poi a ritirare i boccioni vuoti dai clienti e ad avviarli al trattamento per il riciclo, che avviene attraverso il procedimento certificato RiPET.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.