Palazzo Petrucci cambia sede. Nuova sfida per Lino Scarallo

Il ristorante Palazzo Petrucci di Napoli è pronto ad affrontare una nuova sfida in una sede rinnovata. Lo chef Lino Scarallo, una stella Michelin, e tutto lo staff lasciano il centro storico di Napoli (precisamente piazza San Domenico Maggiore) per affrontare una nuova sfida in riva al mare, precisamente sulla spiaggia di Posillipo.
Una location viva, vivace, elegante e, perché no, piacevolmente eccentrica.
Stiamo per affrontare un bellissimo progetto – dichiara lo chef -, il continuo di Palazzo Petrucci”. Infatti all’ingresso del locale si legge “Villa Donn’Anna Palazzo Petrucci”. “Ora il ristorante è incastonato in uno scenario fantastico – continua Scarallo -. Per quanto riguarda la cucina seguiremo il filone precedente, con qualche novità. A breve uscirà il nuovo menù”. Nel menù ci saranno anche portate personalizzate per celiaci, vegani e vegetariani. “Chiunque viene a Palazzo Petrucci trova qualcosa da mangiare!”, esclama compiaciuto lo chef.
Quella griffata Scarallo è una ristorazione gourmet ma dinamica; e il nuovo locale sembra essere fatto su misura per lui, pensato in ogni suo dettaglio, dalla cucina a vista al resto degli ambienti, pensati per creare atmosfere singolari. Un modo partecipativo di fare ristorazione, che già ieri, giorno dell’inaugurazione ha coinvolto decine di rinomati chef, alcuni ai fornelli ed altri accorsi per essere vicini all’”amico Lino”. T,ra questi: Michele MazzolaPaolo Gramaglia, Vincenzo GuarinoEduardo EstaticoCristian Torsiello,  Paolo BarralePietro D’Agostino. “La collaborazione dei tanti colleghi accorsi questa sera è stata una cosa bellissima – afferma contento lo chef resident della struttura – ognuno ha portato qualcosa da mangiare per gli invitati dalle proprie cucine”. “Non temo la concorrenza, anzi cerco di fare squadra su Napoli e anche fuori. Si è più forti quando si è in tanti – continua Scaarallo –. La gente riconosce lo chef nei piatti che mangia”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.