Vermicelli do’ gravunar

INGREDIENTI

  • 100 g di vermicelli
  • 50 g di pomodorini gialli del Vesuvio
  • 40 g di olive snocciolate nere di Gaeta
  • 30 g di capperi
  • 50 g di alici sott’olio
  • Una manciata di pepe rosa
  • Olio extravergine di oliva q.b.

 

PREPARAZIONE
Soffriggere uno spicchio d’aglio in olio evo; prelevarlo quando sarà dorato. Nel frattempo cuocere la pasta Aggiungere capperi, olive ed alici, irrorando di tanto in tanto con l’acqua di cottura della pasta. Verso la fine della cottura del sugo aggiungere i pomodorini e, poi, i vermicelli precedentemente scolati. Spadellare il tutto. Decorare con pepe rosa.

 

VINO IN ABBINAMENTO: Kettmeir – Alto Adige – Alto Adige Metodo Classico Brut Rosé “Athesis” 2015
Rosato ottenuto da uve Pinot Nero, che rappresentano la parte dominante della cuvée, e da uve Chardonnay provenienti da zone ad altissima vocazione spumantistica. Caratterizzato da un elegante colore rosa tenue con riflessi pesca. Perlage fine e persistente. Al naso si esprime con note fruttate di lampone e spezie dolci avvolte in sentori piacevoli di lievito. Al palato si dispiega elegante e dinamico, con leggiadra freschezza e delicata cremosità.
Intrigante come aperitivo; accompagna bene antipasti di pesce e piatti di mare abbastanza elaborati.

Ricetta dello chef Gennaro Criscuolo del ristorante pizzeria “Mastunicola” (Napoli)
Questo e tanti altri piatti della tradizione culinaria partenopea sono compresi nel menù del ristorante e pizzeria “Mastunicola” (locale ubicato in via Pallucci, 160  – Napoli). L’obiettivo dei fondatori è far sentire a casa tutti coloro che seggono ai tavoli del locale, come se fosse domenica. Tra i piatti tipici della cucina napoletana compresi nel menù ci sono: la parmigiana di melanzane, il ragù, le alici indorate e fritte, i polipetti alla Luciana, le polpette, l’impepata di cozze, la frittura di paranza, babà, sfogliatelle, pastiera… Non solo piatti della tradizione, ma anche ottime pizze preparate dal pizzaiolo Salvatore Gamardella che ha qui riproposto la pizza più antica del mondo, ovvero la “Mastunicola,” farcita con sugna, cicoli, pepe, tanto basilico e pecorino romano.

Abbinamento col vino e testi a cura di Maria Consiglia Izzo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *