“RistorAzione – La passione che unisce”: i vincitori della seconda edizione dell’unico trofeo che riunisce chef, maitre, barman e sommelier

Una superbrigata d’eccezione di oltre 20 chef ha preparato la cena di gala che ha chiuso in modo trionfale il Secondo Trofeo “RistorAzione – La passione che unisce” svoltosi ieri, martedì 15 marzo, a Villa Lucrezio (Napoli). Ecco tutti gli chef che si sono messi ai fornelli per l’occasione: Antonio Arfè – Gastronomia Arfè, Andrea Azzarito – Ristorantino dell’Avvocato, Davide Corsini – Resort Pietrabianca, Alfonso Crisci – Taverna Vesuviana, Tommaso Di Palma – Ristorantino dell’Avvocato, Germano Esposito – Cast Catering, Eduardo Estatico – JK Place Capri, Arturo Fusco – Villa Lucrezio, Antonio Grasso – Terrazza Calabritto, Paolo Gramaglia – President (stella Michelin), Giuseppe Iorio – Hotel La Lanterna, Giacomo Luongo – Villa Lucrezio, Gennaro Mastantuoni – Dal Capitano, Antonella Nocerino – Resort Pietrabianca, Pietro Nunziata – Ristorante La Perla, Raffaele Picardi – chef APCI, Antimo Puca – Le delizie del mare, Fabio Ometo – Kanathè, Francesco Onze – Kanathè, Antonella Rossi – Napoli Mia, Gaetano Zelante – K Events.
Di seguito le portate che sono state servite durante l’evento:

  • Sfizioserie e prelibatezze campane
  • Croccantino di gamberi e bufala su passatina di zucca napoletana al peperoncino
  • Vellutata di ceci al rosmarino e polpo scottato con pane speziato
  • Agnolotti farciti con friarielli e salsiccia napoletana con pomodorino giallo e provolone del monaco
  • Risotto, radicchio, Taurasi e calamaretti
  • Filetto di maialino al profumo di caffè, quenelle di mela annurca e bouquet di ortaggi invernali
  • Coccole napoletane
  • Orange Dessert

Nel corso della serata, che ha visto in sala gli allievi dell’Isis D’Este – Caracciolo di Napoli coordinati da tre maître d’esperienza come Raffaele Cuccurullo, Gianfranco Marfella e Michele Autiero, è avvenuta la premiazione dei vincitori dell’avvincente  concorso tra chef, maître, barman e sommelier che in mattinata aveva animato le panoramicissime sale della struttura posillipina. Due sfide parallele che avevano messo in gara da un lato chef dell’APCI (Associazione Professionale Cuochi Italiani) abbinati a barman dell’AIBeS (Associazione Italiana Barman e Sostenitori) e della FIB (Federazione Italiana Barman), dall’altro maître dell’AMIRA (Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi) in coppia con sommelier dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier), questi ultimi caratterizzati da una forte presenza femminile.
A giudicarli erano state due giurie, entrambe composte prevalentemente da tecnici e completate da due guest chef: Eduardo Estatico del JK Place di Capri e Paolo Gramaglia, stellato del President di Pompei.
La serata è stata arricchita dalla presenza del maestro Peppe Barra, artista napoletano di fama internazionale che tra l’altro si è gentilmente prestato a consegnare i premi ai vincitori.

Ecco i vincitori:

Categoria “Chef – Barman”

1) Massimo Giaquinto in coppia con Tommaso Mansi (AIBeS)

2) Giacomo Luongo in coppia con Gioacchino Siclari (FIB)

3) Vincenzo Liberti in coppia con Peter Calunniato (FIB)

Giuria “chef – barman”

  • FIB Adriano Del Gaizo
  • AIBES Luigi Gargiulo
  • APCI Roberto Carcangiu
  • Chef: Paolo Gramaglia

Categoria “Maître – Sommelier”

1) Andrea Perfetto in coppia con Lucia Cioffi  

2) Gianfranco Marfella in coppia con Manuela Papaccio  

3) Flavio Fusco in coppia con Serena De Vita  

Giuria “Maitre – sommelier”:

  • AIS Tommaso Luongo
  • AMIRA Giuseppe Fraia e Giuseppe di Napoli
  • Chef Eduardo Estatico
Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.